POETI

Là oltre – di Paul Celan

Appena al di là dei castagni c’è il mondo.

Da lí giunge di notte un vento in carro di nuvole

e qualcuno si alza qui…

Vuole portar costui oltre i castagni:

«Da me c’è felce dolce e digitale purpurea da me!

Appena al di là dei castagni c’è il mondo…»

Allora frinisco adagio come fanno i grilli,

allora lo trattengo, e deve rinunciare:

il mio richiamo gli blocca le giunture!

Il vento molte notti odo tornare:

«Da me sfavilla lontananza, da te è stretto…»

Allora frinisco adagio come fanno i grilli.

Ma se la notte neanche oggi si schiara

e torna il vento nel carro di nuvole:

«Da me c’è felce dolce e digitale purpurea da me!»

e vuole portare lui oltre i castagni –

allora non lo trattengo, non lo trattengo qui…

Appena al di là dei castagni c’è il mondo.

PAUL CELAN, da La sabbia delle urne, (Einaudi 2016), traduzione di Dario Borso

titolo originale: Der Sand aus den Urnen, 1948

Paul Celan, pseudonimo del poeta di lingua tedesca Paul Antschel (Cernăuti, Bucovina, 1920 – Parigi 1970). I genitori, di madrelingua tedesca, morirono in campo di concentramento nazista, ed è questa la prima esperienza, legata a quella della morte di milioni di ebrei, di cui C. intese farsi testimone. Dal 1947 a Vienna; poco dopo si stabilì a Parigi, assumendo la cittadinanza francese; studioso di germanistica e glottologia, insegnò all’École normale supérieure. Morì suicida. Riassumendo in sé le suggestioni di varie tradizioni poetiche, sin dall’inizio (Der Sand aus den Urnen, 1948) ha delineato la sua personalità, spiccata nel senso d’un simbolismo talora ermetico talora surrealistico. Alla prima raccolta fecero seguito Mohn und Gedächtnis (1952), Von Schwelle zu schwelle (1955), Sprachgitter (1959), Die Niemandsrose (1963), Atemwende (1967), Fadensonnen (1968), Lichtzwang (1970), Schneepart (post., 1971), Zeitgehöft (post., 1976).

Biografia – dal Dizionario Biografico Treccani:

https://www.treccani.it/enciclopedia/elenco-opere/Dizionario_Biografico

articoli collegati:

Paul Celan – da “Di soglia in soglia”. Ciocca di capelli – il Cipresso Bianco

Paul Celan – una poesia da “Di soglia in soglia” – Assisi – il Cipresso Bianco

https://ilcipressobianco.it/nelly-sachs-una-lettera-a-paul-celan/

https://ilcipressobianco.it/hans-georg-gadamer-su-paul-celan-chi-sono-io-chi-sei-tu/

lavora in biblioteca. Terminati gli studi in Giurisprudenza e in Teologia ha continuato ad approfondire i contenuti di alcune correnti spirituali d’oriente e d’occidente, ampliando, allo stesso tempo, la sua ricerca poetica. Nel corso degli ultimi anni suoi contributi, sulla poesia e la parola, sono stati pubblicati da Fara Editore e dalle Edizioni CFR. É stato condirettore della collana di scrittura, musica e immagine “La pupilla di Baudelaire” della casa editrice Le loup des steppes. In poesia ha pubblicato Legni (Ladolfi Editore, 2014 - Premio “Oreste Pelagatti” 2015), il libro d'arte Borgo San Giovanni (Fiori di Torchio, Seregn de la memoria, 2018). Al di qua di noi (Arcipelago itaca Edizioni, 2023) è la sua ultima raccolta.

Lascia una risposta