magia e poesia

  • magia e poesia,  PROLEGOMENI

    Robert Graves – La Dea Bianca. Grammatica storica del mito poetico

    Questa di Robert Graves è un’opera immensa – decisiva per chiunque cerchi un pensiero vivo, sul mito, e quindi sulla poesia. Graves comprese che nelle storie mitiche si nascondono molti segreti. Così gli enigmi propri alla tradizione celtica divennero il centro dei suoi studi. In fondo a tutto ciò, egli, ritrovò la visione più profonda, quella propria a tutte le grandi mitologie. Quella della luce lunare che proviene dalla Dea Bianca, riconosciuta, infine, come primordiale Musa, come immagine della poesia. Il mito è un mondo magico, nel quale alcuni entrano, per operare con la parola poetica. Una vera grammatica, che insegna “una lingua sempre viva”. dalla presentazione de La Dea Bianca…

  • magia e poesia,  PROLEGOMENI

    Poesia e magia. La parola prima

    più si va all’origine dell’azione poetica più si impara il suo senso magico – il suo incantesimo, la sua presenza sacrale. “Vates è poeta e profeta” ci ricorda, qui, Anita Seppilli dalla prefazione di Poesia e magia (Einaudi 1972) Partiamo da un dato di fatto largamente documentabile: per lunghi periodi storici, e presso certe culture anche tutt’ora, alla poesia ed all’ispirazione stessa – che noi valutiamo come ispirazione di ordine estetico, e cioè ispirazione poetica – furono attribuiti significati e finalità che  esulano da questa nostra valutazione attuale. Tale processo ideativo fu  considerato infatti di ordine magico, e fu assunto e manipolato come tecnica  magica. Se è vero – o forse meglio diremmo,…

  • magia e poesia,  PROLEGOMENI

    Poesia e magia – le metamorfosi della forza

    Una prima considerazione, qui, a proposito di questo libro. Poi ci torneremo sopra. Si tratta di Poesia e magia, di Anita Seppilli, Einaudi 1972 (2° edizione), p 626. A detta di numerosi esperti, lo studio, in lingua italiana, più completo in materia. Sicuramente conosciuto dagli storici e dagli studiosi di etnologia e di antropologia – un po’ meno, forse, da chi si occupa di letteratura e poesia. L’idea romantica (sette-ottocentesca) del poeta invasato, animato da ispirazione divina, in realtà, è molto più antica. E il libro analizza proprio il percorso che va dagli inizi all’eclissi di questa realtà arcaica. Tre questioni fondamentali affronta la Seppilli. La prima: per quale motivo alla…