DIALOGHI

  • DIALOGHI

    Jorge Luis Borges – conversazioni con Osvaldo Ferrari. Di tigri, labirinti, specchi

    Una continuità misteriosa lega il procedere memoriale di Borges attraverso il suo mondo ricchissimo di citazioni, ricordi, riferimenti. Mentre tutt’intorno sembra regnare un universo caotico e irrazionale. Ma è un procedere come un “basso continuo”, mediante un tono ironico e svagato, ma anche lucido e vigile. Un pensiero vitale ricco di paradossi, riflesso di una realtà polimorfa e contradditoria, di elementi derivati da una cultura e un sentire vastissimi. Le sue intuizioni, così vive, governano ogni pagina. Tra i suoi temi ricorrenti ricordiamo: “la realtà straniante più della finzione”, “l’onirico”, “la predestinazione e il presentimento della morte”, “lo scrittore depositario della memoria universale”. E poi ancora: “l’ordine e il tempo…

  • DIALOGHI

    Elémire Zolla – Un destino itinerante. Conversazioni tra Occidente e Oriente.

    Doriano Fasoli in un dialogo con Elémire Zolla. Ne nasce un illuminante quadro, uno scambio che assume le forme di un rituale, tra un officiante singolarissimo e il suo interlocutore. Un viaggio senza confini spazio-temporali, in un’atmosfera onirica, dalla quale emergono personaggi che hanno fatto parte della sua vita, come: Cristina Campo, Mario Praz, Roberto Calasso, Giovanni Macchia, Grazia Marchianò, Giacomo Debenedetti, Cesare Brandi ma anche Borges, Dante, Kerényi, Yeats, Adorno, Lévi-Strauss. Un movimento nell’aura magica di Zolla, nei luoghi della sua vita. Qui si riportano solo due brevi stralci, dai quali emerge con forza l’unicità del percorso conoscitivo, esistenziale, spirituale del Nostro. Al lettore non sfuggiranno certo gli elementi…

  • DIALOGHI

    Il silenzio e l’ascolto. Conversazione con Raimon Panikkar. Un libro di Franco Battiato

    Con la sua vasta cultura umanistica e scientifica, veicolata da una profonda visione, tra filosofia e spiritualità, eco di tradizioni ricchissime e mondi ai confini dello spazio-tempo – Raimon Panikkar [accompagnato da Franco Battiato], fa riemergere alcuni temi centrali del suo pensiero. Il Logos come centro dell’essere. La dimensione unitaria e al contempo triadica di Dio-uomo-mondo [l’intuizione “cosmoteandrica”]. La dimensione del sacro simboleggiata dalla forma del cerchio. Quindi l’incontro tra il tempo e il non-tempo, [la “tempiternità”]. E poi, su tutto, l’unione, profondissima e misteriosa, tra conoscenza e amore. Da Franco Battiato, Il silenzio e l’ascolto. Conversazioni con Panikkar, Jodorowsky, Mandel e Rocchi (Castelvecchi 2021), pp. 7-11 PANIKKAR: «L’uomo? È…